Costantino Posa

Costantino Posa

venerdì 30 dicembre 2016

UNA NEVE DIVERSA.


Inverno un po’ maledetto
Mai arrivato veramente.
I miei versi mai urlati.
Mai ascoltati.
Se il vento li scuote
talvolta appaiono opachi.
Hanno tutti ferite sul dorso
nessuno più li può fermare.
Nessuno più s’accorge
dei suoi continui lamenti.
Solo un fremito di voce
sul passo sospeso del tempo
ripete quei versi lievi.
Non potrò mai scordare
quei veli dei tuoi pensieri
e i tuoni che ti hanno condotto.
Inverno un po’ interdetto
te lo sei meritato.
Hai lasciato agli altri
Il vento caldo degli eventi perfetti.
Per me soltanto neve
dolce che si posa
sui binari e vagoni
in fermento delle stagioni
e di quelle ragioni senza riposo
che hanno prodotto
un’ inverno un po’ imperfetto.

Quanti versi come ululati!

Nessun commento:

Posta un commento